fbpx
I.C. LEONARDO SCIASCIA

CARA REALTA’ VIRTUALE TI SCRIVO…

REALTA’ E VIRTUALE: SDOPPIAMENTO DELLA REALTA’

“Non sarai mai il calore di un abbraccio, il sussurro di una parola d’amore, i nostri amici d’infanzia. Ti accettiamo nel nostro tempo ma non sarai il nostro migliore tempo. Sceglieremo le tue possibilità sane e scarteremo i pericoli vestiti di promesse affascinanti.

Non saremo i tuoi schiavi perché non sarai la nostra padrona e sapremo cosa prendere e cosa, di te, abbandonare; non ti concederemo la nostra vita e i nostri affetti o di ammalare la nostra mente, indebolire il nostro corpo e affaticare il nostro cuore.  Ma soprattutto, non esaudiremo il tuo desiderio di impadronirti della nostra personalità perché anche se, a volte, non comprendiamo bene quello che succede, come in questo difficile periodo, la vita reale è una grande e meravigliosa avventura da vivere per quello che è.

Questa vita è la nostra vita ed è l’unica che vogliamo vivere, per questo tu non riuscirai a confonderci e a intrappolarci. Lo so che pensi che alla nostra età è facile raggirarci con un gioco eccitante, un’illusione di potenza o una falsa promessa di diventare unici agli occhi di tutti. Ma credi davvero che ti lasceremo rapire e annullare la nostra infanzia?  No, perché a scuola impariamo tante cose che ci rendono capaci di capire, di essere liberi e di scegliere con autonomia. No, perché a casa abbiamo la nostra famiglia che è il nostro più sicuro riferimento. 

Facciamo un patto: noi ti accogliamo per parlare con un amico lontano, per sapere cosa succede nel mondo, per giocare a giochi innocenti e divertenti, per ascoltare musica e fare ricerche; per mandare messaggi gradevoli e amichevoli, per confortare un amico o un conoscente, per approfondire le nostre conoscenze ma senza perdere il senso di ciò che é vicino e attorno a noi.  Ricordati che sei sempre virtuale e non reale. E cosa c’è di più reale della vita che viviamo ogni giorno? Vogliamo anche dirti che siamo noi che ti facciamo esistere, che ti facciamo essere quello che vogliamo tu sia. Abbiamo10 anni e un lungo sogno da vivere e la parte brutta di te non ucciderà il nostro sogno come hai fatto con altri bambini e anche con tanti adulti. Se dietro la tua maschera accattivante porterai, fingendoti bella e potente, disorientamento, distacco dalla realtà e solitudine, ti cancelleremo dalla nostra vita perché noi crediamo veramente nella vita, nella gioia, nella spensieratezza.

Ma se ti mantieni utile e moderata, ti prolungheremo la vita.

Siamo gli allievi della 5F e oggi, vogliamo essere figli, cugini, nipoti, amici, allievi, bambini attenti agli eventi del mondo per diventare, domani, esseri umani con i nostri difetti ma intatti e saldi.

Cara realtà virtuale, resta in quel luogo che ti appartiene mai esagerato e senza pretese e facci scoprire luoghi e cose che non conosciamo ma non avere mai un doppio fine. Non tentare di diventare malattia, isolamento e confusione e non ti sostituire ai nostri amici, ai nostri genitori, ai nostri nonni, alla nostra maestra; non pensare che diventeremo il tuo robot senza cuore e senza anima perché non saresti progresso. Il vero progresso porta cultura, consapevolezza e scelta: giorno dopo giorno, impareremo che la prudenza è una buona compagna e non saremo fragili prede di un nemico invisibile.

Noi ci vogliamo abbracciare, parlare, emozionare sempre e per sempre.  Tik Tok.. Chi sei? Qualcuno che vi darà la possibilità di conoscere tante cose del mondo, della natura, degli altri popoli. Tu sia la benvenuta!  TIK Tok… Chi è? Sempre io, ma stavolta sono qui per rendervi i più potenti tra i vostri amici. No, preferiamo essere noi stessi.

Realtà virtuale, ti tratteremo come una buona vicina di casa ma non ti permetteremo, se ti rivelerai invadente, di entrare nella nostra intimità, nei nostri pensieri, nei nostri sentimenti e nei nostri valori. E se qualcuno vorrà convincerci che siamo invincibili, infallibili e immortali: chiuderemo la porta di casa e torneremo alle nostre fiabe. Noi gli alunni della 5F vogliamo essere le note della più dolce delle melodie: la vita reale.”

Show More

Related Articles

Back to top button